Correre disegnando Italia

Correre è sempre bellissimo.  Al termine di un allenamento in genere si controlla le proprie performance sportive (nel mio caso quelle di un runner vecchietto), buone o cattive siano state, per esempio la cadenza (quanti minuti per km), la frequenza cardiaca media, il chilometraggio percorso e tante altre notizie che ci fornisce il nostro GPS. Una volta fatta la doccia siamo pronti per la sincronizzazione con il sistema che utilizziamo , nel mio caso Garmin e poi siamo pronti a “specchiarci” un po’ per gli eventuali risultati positivi che siamo riusciti a raggiungere.

Il mio caso però è unico direi … mi accorgo che correndo  “disegno” l’Italia … meglio ancora , correndo creo un’Italia in miniatura … direi incredibile … mancano solo le isole!

Questa Italia sarà un po’ sgraziata ma ha un tacco12 da paura! 🙂

Riccardo Nasti Running Italy